02 45703058 segreteria@renoils.it
2° Forum Nazionale sull’economia circolare

2° Forum Nazionale sull’economia circolare

 

RenOils partecipa al 2° Forum nazionale sull’economia circolare

Imprese innovative, associazioni di categoria e rappresentanti delle istituzioni, riuniti a Napoli, faranno il punto su opportunità e problemi della circular economy nel nostro Paese.

Giovedì 4 aprile RenOils parteciperà al forum “I trend dell’innovazione. 2° forum nazionale sull’economia circolare” (http://www.edizioniambiente.it/eventi/711/2-forum-nazionale-sull-economia-circolare/). L’evento si terrà a Napoli ed è promosso da Edizioni Ambiente, dalla rivista Materia Rinnovabile e dal Comune di Napoli. Riunisce imprese innovative, associazioni di categoria e rappresentanti delle istituzioni per fare il punto su opportunità e problemi che stanno disegnando il nuovo scenario dell’economia circolare nel nostro Paese.

Ennio Fano, presidente di RenOils, è coinvolto nel panel “I modelli organizzativi di filiera tra responsabilità pubblica e iniziativa privata. Dai Consorzi alle Reti di imprese: nuovi modelli di responsabilità estesa del produttore e formule di organizzazione volontaria per l’economia circolare”. Assieme a Fano ne discuteranno Ilde Gaudiello, dirigente del Ministero dell’ambiente; Paolo Tomasi, Conou; Anselmo Calò, A.D.A.; Alessia Iscaro, Cagema; Giancarlo Longhi, Coripet; Mario Ferraro, Econateria (Ance Benevento). Modererà Roberto Coizet, presidente di Edizioni Ambiente.

 

ACCORDO ENI

Accordo Eni e RenOils per incrementare la raccolta

degli oli alimentari usati e di frittura

L’accordo prevede anche la realizzazione di campagne di informazione ed educazione ambientale per raccontare i vantaggi dell’utilizzo di oli esausti per la produzione di carburanti alternativi a quelli fossili

Roma, 14 febbraio 2019 – Eni e RenOils, Consorzio nazionale degli oli e dei grassi vegetali e animali esausti, costituito nel 2016 con lo scopo di assicurare la corretta gestione della raccolta, del trasporto, dello stoccaggio, del trattamento e il riutilizzo degli oli vegetali e dei grassi animali esausti, hanno sottoscritto oggi un accordo di collaborazione volto a favorire il recupero degli oli vegetali esausti.
Eni, che attualmente utilizza circa il 50% degli oli alimentari usati disponibili in Italia, grazie anche alle aziende di rigenerazione aderenti a RenOils amplierà la possibilità di impiegare questi rifiuti per produrre biocarburante di alta qualità nella bioraffineria di Venezia, a Porto Marghera, e a breve anche a Gela.
La lettera di intenti, sottoscritta oggi da Giuseppe Ricci, Chief Refining & Marketing Officer di Eni, e dal Presidente di RenOils Ennio Fano, prevede anche la realizzazione di campagne di informazione ed educazione ambientale per raccontare i vantaggi dell’utilizzo di oli esausti per la produzione di carburanti alternativi a quelli fossili e di progetti di sensibilizzazione delle associazioni di categoria, dei consumatori e ambientaliste.
L’obiettivo è incrementare la raccolta e il corretto conferimento: oggi gli oli esausti prodotti a livello domestico sono quasi interamente dispersi. Nel 2018 sono state raccolte circa 75.000 tonnellate di olio alimentare di scarto, quasi esclusivamente prodotte dal settore della ristorazione e dell’industria, che rappresentano solo il 25% dell’olio prodotto in Italia, che ammonta a circa 280.000 tonnellate all’anno.
La maggior parte della produzione avviene quindi nelle case, e lo smaltimento avviene per lo più negli scarichi perché la maggior parte dei cittadini non sa che eliminare gli oli di frittura attraverso la rete fognaria può comportare gravi conseguenze ambientali. Oltre a intasare il sistema di scarico domestico e delle reti fognarie con incremento dei costi di manutenzione, lo smaltimento attraverso la rete fognaria pregiudica il corretto funzionamento dei depuratori, aumentando i costi di depurazione. Un litro di olio genera fino a 4 kg di fanghi di depurazione che dovranno poi essere gestiti come rifiuto, può giungere alle falde e rendere l’acqua non potabile e crea inquinamento delle acque superficiali, cioè laghi, fiumi e mare con danni all’ecosistema, alla flora e alla fauna. Se disperso in acqua forma un “velo” che impedisce ai raggi solari di penetrare, causando ingenti danni all’ambiente.
RenOils ha l’obiettivo di contribuire in modo efficiente e partecipato alla gestione del sistema del riciclo degli oli esausti in Italia, incrementandone la raccolta. A oggi, sono 254 le associazioni e le imprese della filiera associate, a partire dai produttori di olio per uso alimentare, ai riciclatori e ai recuperatori del rifiuto. Il Consorzio agisce in mutualità per il conseguimento degli obiettivi ambientali che il Ministero dell’Ambiente (dal quale ha ottenuto il riconoscimento nel 2018) ha fissato per il settore. RenOils ha realizzato, in collaborazione l’Università di Roma Tor Vergata, il primo sistema di monitoraggio del comparto degli oli e dei grassi vegetali e animali esausti (R_O_S) che opera su base geografica ed è fruibile all’interno di una piattaforma web. Questo tracciamento è di fondamentale importanza ai fini dell’accordo con Eni per l’impiego degli oli vegetali esausti per la produzione di biocarburante.
L’accordo siglato oggi è un ennesimo tassello delle iniziative di Eni finalizzate a mettere in atto un circuito virtuoso di “economia circolare” per la raccolta di materie di scarto che vengono, una volta purificate e rigenerate, trasformate in biocarburanti di alta qualità presso strutture industriali nazionali, dando piena valorizzazione a una risorsa energetica nazionale.